PRIMOGENITI VS. SECONDI FIGLI

Possono delle semplici illustrazioni rispondere all’ormai innominabile tabù sull’esistenza, o meno, di differenze fra primogenito e secondo figlio?
Lo so mamme, avrete tutte esclamato a gran voce: “non esistono differenze fra figli!” eppure so che, un po’ curiose e un po’ di nascosto, arriverete tutte alla fine di questo articolo per scoprire (finalmente) che non c’è nulla di male ad ammettere il contrario!
La differenza fra figli esiste, e lo sa bene Weng Chen, sviluppatrice di giochi di Seattle, che è riuscita a mettere d’accordo su questo tema madri, padri, figli e pure nonni, in un solo modo: l’ironia.
Sue infatti sono le molteplici vignette illustrate, ormai virali in tutto il mondo, che raffigurano una madre durante e post la maternità sia del primogenito che del secondo figlio.
Il risultato? Tanto esilarante quanto veritiero.
Le differenze di cibi ingeriti durante la gravidanza, le diverse tecniche di allattamento (o di non allattamento) o l’importanza dell’igiene e della pulizia dei luoghi, che da sala chirurgica sterile diventa un autogrill, sono solo alcuni dei principali “temi” che la Chen illustra ironicamente. Ma ancora le diverse concessioni sugli utilizzi di Tv, videogiochi (e ora internet) o sui tanti soldi spesi in vestiti di prima scelta – poi ovviamente riciclati – sono aspetti che non saranno estranei a nessuno, figli compresi.
E allora perché non guardare le immagini qui sotto, sorridere di ciò che è stato e con totale serenità accettare di essere “semplicemente” umani?
La verità infatti è che se è vero – ed è vero – che esistono diversi modi di crescere i figli, perché diversi siamo noi, le nostre paranoie, ansie, necessità o esperienze, una sola quanto fondamentale costante accumunerà sempre ogni figlio: l’amore.

 

 

Leave a Reply